procida

 
Home Ambiente Stampe Storia Stampe Napoli Pozzuoli Bacoli Monte di Procida Quarto Ischia Shopping News
 
Il presente sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Disattivando i cookie si potrebbero avere problemi di navigazione su questo sito. Per maggiori informazioni accedi alla nostra cookie policy. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. In caso contrario ti invitiamo ad uscire dal sito.
 

PROCIDA

L’isola ha la costa molto frastagliata ed alterna zone basse e sabbiose ad alti picchi e comprende nel suo territorio anche l’isolotto di Vivara. La parte più alta dell’isola è la collina nota come “Terra Murata”. L’isola è vicina alla terraferma (poco più di tre chilometri) ed è collegata con un ponte a Vivara, inoltre, è dotata di tre piccoli porti sui versanti principali.

Il centro abitato è diviso in contrade, dette grancìe: Terra Murata (il borgo più antico), Corricella (borgo di pescatori), Sent'cò (sede del porto commerciale di Marina Grande), San Leonardo, Santissima Annunziata (nota anche come Madonna della Libera), Sant'Antuono, Sant'Antonio e Chiaiolella (nella parte meridionale dell'isola e dotata di approdo turistico).

L’isola è di origine vulcanica, infatti, essa è ciò che rimane delle eruzioni avvenute in un arco di tempo lunghissimo di quattro vulcani oggi spenti ed in gran parte sommersi.
Sotto il profilo geologico, l’isola ha una storia strettamente connessa a quella dei Campi Flegrei simile oltre che per la morfologia anche per i tipi di materiali vulcanici dei quali è formata, quali tufo sia giallo che grigio e basalti.

In epoca romana Procida e Vivara erano collegate, mentre non vi è riscontro in merito alle ipotesi che immaginavano Procida collegata a Monte di Procida e addirittura ad Ischia.
In merito all’origine del nome, è certo che in epoca romana era nota come “Prochyta” che pare derivi da “Prima Cyme” ossia “prossima a Cuma”.

Un’altra ipotesi e che il nome derivi dal termine “pròkeitai” che in greco significa “giace” così come appare se la si guarda dai rilievi di Ischia o da Monte di Procida, ma altre ancora sono le ipotesi sul toponimo, tra le quali spicca quella che essa prenda il nome dalla nutrice di Enea, lì sepolta (secondo Dionigi da Alicarnasso).

L’isola di Procida, da quanto emerso dai numerosi scavi archeologici, è stata abitata da coloni Micenei, Calcidesi e successivamente dai Greci di Cuma. In epoca romana, l’isola divenne meta di villeggiatura e la pratica più diffusa l’agricoltura e segnatamente la viticoltura.

Nel Medioevo l’isola fu oggetto di saccheggi e devastazioni da parte dei Vandali e dei Goti, costringendo la popolazione ad organizzare un sistema fortificato di difesa, trovando nel promontorio di Terra, la conformazione naturale giusta per rifugiarsi e che nel tempo è stata più volte fortificata, per questo rinominata prima “Terra Casata” e poi “Terra Murata”.

Nel periodo Normanno l’isola divenne feudo di una famiglia salernitana per più di due secoli che poi la rivendette ad una famiglia di origine francese, ai quali Carlo V durante la dominazione di Napoli, la confiscò per concederla alla famiglia dei d’Avalon d’Aquino d’Aragona.

Solo con l’avvento dei Borbone, che fecero dell’isola una tenuta di caccia, e l’eliminazione della feudalità, essa cominciò a riprendersi dalle costrizioni e dai continui saccheggi, ultimi quelli dei Saraceni, e conobbe così una nuova fase della sua storia sociale ed economica.

Fiorente fu l’attività cantieristica, con il varo di bastimenti e brigantini, che determinò un incremento della popolazione. Nei primi anni dell’ottocento, l’isola fu coinvolta negli scontri tra francesi e inglesi subendo le conseguenti devastazioni che non scoraggiarono la maggiore attività industriale dell’isola che continuò fino al 1891, anno del varo dell’ultimo brigantino di fattura procidana.

Negli anni seguenti la cantieristica ebbe un progressivo declino anche se l’economia di Procida rimarrà sempre legata alla marineria.
Dagli anni ’50 la crescita economica dell’isola è stata stimolata dall’industria turistica che è riuscita a controllare i flussi di massa preservando le tradizioni e la tranquillità del territorio.

Avvicinandosi all’isola l’attenzione dell’osservatore è catturata dall’architettura degli edifici e dai pochi “segni” che ne strutturano il linguaggio. La praticità e lo spontaneismo elidono teorie stilistiche, consegnando un gradevole insieme colorato e omogeneo, fatto di volumi contenuti, archi e scale rampanti.

 


 

MUSEI PROCIDA

Museo del Mare - Istituto Superiore F. Caracciolo e GM da Procida
Via Principe Umberto, 40 - 80079 – Procida
Orario invernale: lun/mon>sab/sat. 10.00>12.00
Orario estivo:lun/mon>ven/fri
Chiusura: festivi/holidays
Telefono: +30.0818967004 - +39.0818967
Web site: www.caraccioladaprocida.gov.it
Posta elettronica: nais02300t@istruzione.it
Biglietto intero: gratuito/free
Mezzi pubblici: Da/from Napoli: aliscafo/Hydrofoil-traghetto/ferryboat+ taxi +bus


 

ISOLA DI VIVARA

 


 

Potrebbe interessarti anche:

IL MITO E IL LAGO D’AVERNO

LA SIBILLA E IL SUO ANTRO

 

VIRGILIO

FUMAROLE PISCIARELLI

 

 

 

CUMA

 

 

 

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA PREISTORICA E PROTOSTORICA

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: I RITI FUNERARI

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: LA DIFFUSIONE DEI CULTI ORIENTALI

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: LE TERME E I BAGNI DI POZZUOLI

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: LE VILLE DEL TERRITORIO FLEGREO

 

 

CAMPI FLEGREI:

IL TERRITORIO

ERUZIONE DI MONTE NUOVO

GLI ASTRONI

GROTTA DEL CANE

CONCA DI AGNANO

 

LITERNUM

RICOSTRUZIONE ARTISTICA 3D DEL FORO DI LITERNUM

LA BASILICA

IL CAPITOLIUM

IL TEATRO

L'ARA DI SCIPIONE


CAMPI FLEGREI

VISITE GUIDATE

 

APPROFONDISCI



Potrebbe interessarti anche la seguente mappa interattiva del

Centro Storico di Pozzuoli




 

CAMPI FLEGREI

NELLE MEMORIE DEL GRAND TOUR

 


 

GROTTA DEL CANE E GRAND TOUR

 


 

NECROPOLI DI VIA CELLE

E IPOGEI DEL FONDO CAIAZZO

 


 

NECROPOLI DI SAN VITO

 


 

MONTE DI PROCIDA

NECROPOLI DI CAPPELLA

 


 

COLOMBARIO DEL FUSARO

 


 

PARCO SOMMERSO DELLA GAIOLA

 

 

 

 

 

   CONTATTI