m m

 
Home Ambiente Stampe Storia Stampe Napoli Pozzuoli Bacoli Monte di Procida Quarto Ischia Procida News
 
Il presente sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Disattivando i cookie si potrebbero avere problemi di navigazione su questo sito. Per maggiori informazioni accedi alla nostra cookie policy. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. In caso contrario ti invitiamo ad uscire dal sito.
 

Cartaceo: € 26,00

Epub: € 9,99

PARTICOLARI

Formato cartaceo: 15,24x22,86;

Colori interni: Bianco e nero

Pagine: 158 - Brossura;

Immagini: 24 compreso copertina;

Lingua: Italiano, inglese;

Formato elettronico: Epub;

Categoria: Storia dell'architettura, Storia dell'ingegneria, Archeologia;

Diritto d'autore:
Tutti i diritti riservati - Licenza standard sul copyright;

 

 

COMPRA

SU YOUCANPRINT

 

 

 


IL VELARIO DELL'ANFITEATRO CUMANO

Dell'anfiteatro cumano si sa veramente poco, e nulla ci è pervenuto in relazione al suo aspetto sia in termini di descrizione che di rappresentazione iconografica. Le poche testimonianze che ne fanno menzione riguardano un editto pompeiano (CIL IV9983a=GP) della metà del I sec. d.C. che promuove gli intrattenimenti in calendario dove, oltre a una venatio e a scontri tra gladiatori, annuncia anche il supplizio della croce per un condannato, forma di pena che si ritrova normata nella Lex Libitinaria di Cuma e quindi praticata regolarmente.

Inoltre, tra i graffiti ritrovati in una taberna puteolana, uno in particolare sembra raffigurare un caso rarissimo di donna sottoposta alla crocifissione, nota come cruciaria, inciso accanto alla rappresentazione di un gladiatore reziario armato di tridente, con adiacente la scritta Cumis, che riconduce, appunto, all'anfiteatro di Cuma.

Da scavi eseguiti sull'acropoli presso il tempio di Apollo è emerso, tra l'altro, un documento datato tra il 14 e il 37 d.C. che contiene disposizioni in onore di un certo Gaio Cupienno Satrio Marciano che concedeva a lui e alla sua famiglia un posto riservato per la lettiga all'interno dell'anfiteatro.

L'edificio sicuramente era dotato di decorazioni e ornato di statue e bassorilievi secondo la consuetudine romana che in epoca augustea ha visto rinnovarsi e implementarsi, e come risulta anche dal suddetto documento ritrovato, frutto di donazioni di personaggi appartenenti all'élite di Cuma. ...

Autore: Ferdinando Gangemi

Titolo: IL VELARIO DELL'ANFITEATRO CUMANO

Data di pubblicazione: 1/12/2021

ISBN: 9791220098168

Abstract: L'anfiteatro di Cuma è stato il primo edificio ludico costruito?

E se così fosse, visto che i velari già erano in uso quando i giochi gladiatori si svolgevano nei fori, è possibile affermare che proprio nell'anfiteatro di Cuma sia stato sperimentato il primo appositamente pensato per questo tipo di edificio?

E come funzionava la poderosa macchina approntata dai  marinai di Miseno per garantire l'ombreggiamento agli spettatori?

Un prezioso approfondimento su uno dei più interessanti e poco conosciuti reperti archeologici dei Campi Flegrei che introduce e spiega un’antica tecnologia al servizio degli edifici da spettacolo.

INDICE:

1 - Introduzione

2 - Campi Flegrei tra avvenimenti reali e narrazione fantastica

3 - Spettacoli e varie forme d'intrattenimento in epoca romana nei Campi Flegrei

4 - Gli edifici per spettacoli

5 - Uso delle macchine negli edifici ludici

6 - Origine del velario e utilizzo negli edifici da spettacolo

7 - Cuma

8 - Anfiteatro di Cuma

9 - Ritrovamenti in seguito agli scavi e schema delle fasi costruttive

10 - Interpretazione dei residui archeologici dell'anfiteatro di Cuma

11 - Il velario dell'anfiteatro di Cuma

12 - Cenni sulla storia della tecnica e sulla formazione dei marinai romani e il loro contributo nell'evoluzione del velario

13 - Conclusioni

14 - Bibliografia

15 - Indice delle tavole

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Ferdinando Gangemi, vive a Napoli dove svolge la professione di architetto. Appassionato cultore della storia e degli aspetti naturalistici dei Campi Flegrei dal 1988 si occupa di divulgazione e promozione dell’area flegrea. Nel 1996 pubblica e diffonde la brochure “Tour archeologico dei Campi Flegrei” con annessa mappa artistica che ristampa in seconda edizione nel 2018. Nel 2000 fonda il sito divulgativo www.campiflegrei.it sul quale pubblica, tra l'altro, nel 2019 la ricostruzione ipotetica del Foro di Liternum. Consapevole del potere salvifico della cultura e dell'arte, ha sempre cercato, mediante il suo lavoro e le sue passioni, di infondere nel prossimo l'amore per la conoscenza e per la vita nella sua accezione più ampia.

Torna al link        

 

Potrebbe interessarti anche:

 

IL MITO E IL LAGO D’AVERNO

LA SIBILLA E IL SUO ANTRO

VIRGILIO

FUMAROLE PISCIARELLI

 

 

 

CUMA

 

 

 

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA PREISTORICA E PROTOSTORICA

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: I RITI FUNERARI

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: LA DIFFUSIONE DEI CULTI ORIENTALI

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: LE TERME E I BAGNI DI POZZUOLI

 

 

CAMPI FLEGREI IN EPOCA ROMANA: LE VILLE DEL TERRITORIO FLEGREO

 

   CAMPI FLEGREI:

IL TERRITORIO

ERUZIONE DI MONTE NUOVO

GLI ASTRONI

LITERNUM

RICOSTRUZIONE ARTISTICA 3D DEL FORO DI LITERNUM

LA BASILICA

IL CAPITOLIUM

IL TEATRO

L'ARA DI SCIPIONE

GROTTA DEL CANE

CONCA DI AGNANO

 

sequenza 1b


CAMPI FLEGREI

VISITE GUIDATE

 

APPROFONDISCI


a300


 

CAMPI FLEGREI

NELLE MEMORIE DEL GRAND TOUR

 


 

GROTTA DEL CANE E GRAND TOUR

 


 

NECROPOLI DI VIA CELLE

E IPOGEI DEL FONDO CAIAZZO

 


 

NECROPOLI DI SAN VITO

 


 

MONTE DI PROCIDA

NECROPOLI DI CAPPELLA

 


 

COLOMBARIO DEL FUSARO

 


 

PARCO SOMMERSO DELLA GAIOLA

 


 

 

 

CONTATTI